L’Urlo di Teresa

Questo giornalino e’ nato nel nostro liceo tanti anni fa e, nel corso del tempo, l’Urlo ha avuto momenti diversi. Curato da un gruppo di insegnanti che lo hanno fatto nascere e decollare, una volta trasferiti, l’Urlo per un po’ ha perduto la sua voce. Oggi rinasce grazie alla collaborazione proprio di uno dei ragazzi che vi scriveva allora da studente, Marco Bucci. Rinasce sottovoce quello che vuole ancora una volta essere non solo un esercizio di scrittura ma uno spazio libero, una palestra del pensiero e della democrazia. In un momento storico in cui tutto viene consumato velocemente, soprattutto l’informazione, in cui la notizia di oggi già domani sara’ dimenticata e attraverso i social sarà  superficiale ed omologata, L’Urlo deve e vuole essere uno spazio lento, di approfondimento e discussione delle idee.